Il Bolero di Ravel secondo Marina Abramovic. All'Opéra Garnier, a Parigi, dal 2 maggio al 3 giugno 2013

La danza è la protagonista di tante performance artistiche di questi primi anni del XXI secolo. Ricordiamo che l’estate scorsa la danza è stata alla base del programma di Documenta sul presupposto che “tutti i saperi e le conoscenze danzano, con l’arte, insieme verso l’utopia”. La danza, dunque, come metafora della vita, di quella che include, che avvolge il tutto come il vortice che si crea nel movimento cosmico. Un vortice che accomuna amore e odio, passione e gelosia, vita e morte.